Gita di un giorno a Salisburgo

Kurgarten di Salisburgo
Kurgarten di Salisburgo

Nella Neustadt di Salisburgo, che è anche chiamata Andräviertel, a nord dei giardini Mirabell, c'è un prato accatastato e modellato, il cosiddetto Kurpark, dove lo spazio intorno all'Andräkirche è stato creato dopo l'abbattimento degli ex grandi bastioni . Il giardino termale contiene diversi alberi più vecchi come il tiglio invernale ed estivo, il ciliegio giapponese, la robinia, l'albero katsura, il platano e l'acero giapponese.
Un sentiero dedicato a Bernhard Paumgartner, divenuto noto grazie alle sue biografie su Mozart, costeggia il confine con il centro storico e collega Mariabellplatz con l'ingresso dal Kurpark al piccolo pianterreno, la parte settentrionale dei Giardini Mirabell. Tuttavia, prima di entrare nei giardini, potresti voler trovare prima un bagno pubblico.

Se guardi Salisburgo dall'alto puoi vedere che la città si trova sul fiume ed è delimitata su entrambi i lati da piccole colline. A sud-ovest da un arco di cerchio costituito da Festungsberg e Mönchsberg e a nord-est da Kapuzinerberg.

La montagna fortezza, Festungsberg, appartiene al margine settentrionale delle Prealpi salisburghesi ed è costituita in gran parte da calcare del Dachstein. Mönchsberg, la collina dei monaci, è costituita da un conglomerato e si collega a ovest della montagna della fortezza. Non è stato trascinato via dal ghiacciaio Salzach perché si trova all'ombra della montagna della fortezza.

Il Kapuzinerberg, sul lato destro del fiume come la montagna della fortezza, appartiene al margine settentrionale delle Prealpi calcaree salisburghesi. È costituito da ripide pareti rocciose e da un'ampia cresta ed è costituito in gran parte da calcare del Dachstein e roccia dolomitica a strati grossolani. L'effetto di lavaggio del ghiacciaio Salzach ha dato la forma al Kapuzinerberg.

Toilette pubblica in Piazza Mirabell a Salisburgo
Toilette pubblica nella piazza dei giardini Mirabell a Salisburgo

I giardini Mirabell sono spesso il primo posto da visitare durante una gita di un giorno a Salisburgo. Gli autobus in arrivo nella città di Salisburgo lasciano sbarcare i passeggeri a l'incrocio a T di via Paris-Lodron con Piazza Mirabell e Dreifaltigkeitsgasse, il terminal degli autobus nord. Inoltre c'è un parcheggio, il CONTIPARK Parkplatz Mirabell-Congress-Garage, in Piazza Mirabell il cui indirizzo esatto è Faber Straße 6-8. Questo è il link per raggiungere il parcheggio con google maps. Proprio di fronte alla piazza Mirabell numero 3 c'è un bagno pubblico gratuito. Questo link a google maps ti dà la posizione esatta del bagno pubblico per aiutarti a trovarlo nel seminterrato di un edificio sotto gli alberi che forniscono ombra.

Unicorno ai giardini Mirabell di Salisburgo
Unicorno ai giardini Mirabell di Salisburgo

Una scala in marmo neobarocco, utilizzando parti della balaustra del teatro cittadino demolito e statue di unicorni, collega il Kurgarten a nord con il piccolo piano terra dei giardini Mirabell a sud.

L'unicorno è un animale che sembra un cavallo con una Corno sulla sua fronte. Si dice che sia un animale feroce, forte e splendido, così agile da poter essere catturato solo se gli viene posta davanti una vergine. L'unicorno salta in grembo alla vergine, lei lo allatta e lo conduce al palazzo del re. I gradini della terrazza sono stati usati come scala musicale saltellante da Maria e dai bambini von Trapp nel Suono della musica.

Unicorni a Steps to Mirabell Gardens
Unicorni a Steps to Mirabell Gardens

Due giganteschi unicorni di pietra, cavalli con un corno in testa, sdraiati sulle gambe, custodiscono i "Passi musicali", la porta dell'ingresso nord dei giardini Mirabell. Le bambine piccole ma fantasiose si divertono a cavalcarle. Gli unicorni si trovano idealmente piatti sulle scale in modo che le bambine possano calpestarli direttamente. Gli animali della porta sembrano alimentare l'immaginazione delle ragazze. Solo un cacciatore può attirare l'unicorno con una giovane vergine pura. L'unicorno è attratto da qualcosa di ineffabile.

Giardini Mirabell Salisburgo
Giardini Mirabell visti da "The Musical Steps"

I giardini Mirabell sono un giardino barocco a Salisburgo che fa parte del centro storico della città di Salisburgo, patrimonio mondiale dell'UNESCO. Il progetto dei giardini Mirabell nella sua forma attuale è stato commissionato dal principe arcivescovo Johann Ernst von Thun sotto la direzione di Johann Bernhard Fischer von Erlach. Nel 1854 i Giardini Mirabell furono aperti al pubblico dall'imperatore Francesco Giuseppe.

Scala in marmo barocco Palazzo Mirabell
Scala in marmo barocco Palazzo Mirabell

Il palazzo Mirabell fu costruito nel 1606 dal principe arcivescovo Wolf Dietrich per la sua amata Salome Alt. La "scala di marmo barocca" conduce alla Sala dei Marmi del Palazzo Mirabell. La famosa scala a quattro rampe (1722) è basata sul progetto di Johann Lucas von Hildebrandt. Fu costruito nel 1726 da Georg Raphael Donner, il più importante scultore dell'Europa centrale del suo tempo. Al posto della balaustra, è assicurato da fantasiosi parapetti realizzati con archi a C e volute con decorazioni di putti.

Palazzo Mirabell
Palazzo Mirabell

Alta, con capelli castano rossicci e occhi grigi, Salome Alt, la donna più bella della città. Wolf Dietrich l'ha conosciuta durante una festa nel bar della città sulla Waagplatz. Lì si tenevano i consigli ufficiali del consiglio comunale e si concludevano gli atti accademici. Dopo la sua elezione a principe arcivescovo Wolf Dietrich cercò di ottenere una dispensa attraverso la quale sarebbe stato possibile per lui come chierico sposarsi. Nonostante i tentativi di mediazione di suo zio, il cardinale Marcus Sitticus von Hohenems, questo progetto fallì. Nel 1606 fece costruire per Salome Alt il castello di Altenau, ora chiamato Mirabell, sul modello della "Ville suburbane" romana.

Pegaso tra i leoni
Pegaso tra i leoni

Bellerofonte, il più grande eroe e uccisore di mostri, cavalca il cavallo volante catturato. La sua più grande impresa è stata uccidere il mostro Chimera, corpo di capra con testa di leone e coda di serpente. Bellerofonte si guadagnò il favore degli dei dopo aver tentato di cavalcare Pegaso fino a Monte Olimpo unirmi a loro.

Fontana Pegaso Salisburgo
Fontana di Pegaso

Fontana di Pegaso che Maria e i bambini saltano fuori al suono della musica mentre cantano il Do Re Mi. Pegaso, il mitico divino cavallo è un figlio di olimpionico Dio Poseidon, dio dei cavalli. Ovunque il cavallo alato batteva lo zoccolo sulla terra, sgorgava una fonte d'acqua ispiratrice.

Leoni a guardia delle scale del bastione
Leoni a guardia delle scale del bastione

Due leoni in pietra adagiati sul muro del bastione, uno di fronte, l'altro leggermente rialzato rivolto al cielo, presidiano l'ingresso dal piccolo pianterreno al giardino del bastione. C'erano tre leoni sullo stemma dei Babenberg. A destra dello stemma dello stato di Salisburgo c'è un leone nero eretto girato a destra in oro e a sinistra, come nello stemma Babenberg, mostra una barra d'argento in rosso, lo scudo austriaco.

Zwergerlgarten, il parco degli gnomi nani

Il giardino dei nani, con sculture in marmo del monte Untersberg, fa parte del giardino barocco Mirabell progettato da Fischer von Erlach. Nel periodo barocco, presso molte corti europee venivano impiegate persone troppo cresciute e basse. Erano apprezzati per la loro lealtà e fedeltà. I nani dovrebbero tenere lontano tutto il male.

Western Bosket con Hedge Tunnel
Western Bosket con Hedge Tunnel

Il tipico boschetto barocco era un "legno" tagliato ad arte nel giardino barocco Mirabell di Fischer von Erlach. Gli alberi e le siepi erano attraversati da un asse rettilineo con allargamenti ad aula. Il cofanetto costituiva così una controparte dell'edificio del castello con i suoi corridoi, scale e saloni e veniva utilizzato anche in modo simile all'interno del castello per l'esecuzione di concerti da camera e altri piccoli divertimenti. Oggi il boschetto occidentale di Castel Mirabell è costituito da un "viale" a tre file di tigli invernali, che sono mantenuti in una forma geometricamente cubica da tagli regolari, e da un porticato con traliccio ad arco a tutto sesto, il tunnel di siepe Maria e i bambini corrono giù mentre cantano Do Re Mi.

Tulipani rossi in un'aiuola barocca nel grande parterre dei giardini Mirabell, la cui lunghezza è rivolta a sud in direzione della fortezza Hohensalzburg sopra il centro storico a sinistra del Salzach. Dopo la secolarizzazione dell'arcidiocesi di Salisburgo nel 1811, il giardino è stato reinterpretato nell'attuale stile di giardino paesaggistico inglese dal principe ereditario Ludwig di Baviera, conservando parte delle aree barocche. 

Nel 1893, l'area del giardino fu ridotta a causa della costruzione del Teatro di Salisburgo, che è il grande complesso edilizio adiacente a sud-ovest. Il Teatro di Stato di Salisburgo sulla Makartplatz è stato costruito dalla ditta viennese Fellner & Helmer, specializzata nella costruzione di teatri, poiché il New City Theatre dopo il vecchio teatro, che il principe arcivescovo Hieronymus Colloredo aveva costruito nel 1775 al posto di una sala da ballo, doveva essere demolito a causa di carenze di sicurezza.

Schermidore Borghesiano
Schermidore Borghesiano

Le sculture degli "schermatori Borghesi" all'ingresso di Makartplatz sono esattamente repliche corrispondenti basate su un'antica scultura del 17° secolo che è stata trovata vicino a Roma e che è ora al Louvre. L'antica statua a grandezza naturale di un guerriero che combatte un cavaliere è chiamata schermidore borghesiano. Lo schermidore borghesiano si distingue per l'ottimo sviluppo anatomico e fu quindi una delle sculture più ammirate dell'arte rinascimentale.

Chiesa della Santissima Trinità, Dreifaltigkeitskirche
Chiesa della Santissima Trinità, Dreifaltigkeitskirche

Nel 1694 il principe arcivescovo Johann Ernst Graf Thun e Hohenstein decisero di costruire una nuova casa dei sacerdoti per i due collegi da lui fondati insieme a una chiesa dedicata alla Santissima Trinità, Dreifaltigkeitskirche, ai limiti orientali dell'allora giardino di Annibale, il declivio sito tra la porta medievale e un palazzo manierista Secundogenitur. Oggi la piazza Makart, l'ex giardino di Annibale, è dominata dalla facciata della chiesa della Santissima Trinità che Johann Bernhard Fischer von Erlach eresse al centro degli edifici del collegio, la nuova casa dei sacerdoti.

La casa di Mozart in piazza Makart a Salisburgo
La casa di Mozart in piazza Makart a Salisburgo

Nella “Tanzmeisterhaus”, casa n. 8 sulla Hannibalplatz, una piazzetta rialzata e rettangolare allineata lungo l'asse longitudinale alla Chiesa della Trinità, ribattezzata Makartplatz durante la vita dell'artista che fu nominato a Vienna dall'imperatore Francesco Giuseppe I. il maestro di danza di corte tenne lezioni di ballo per aristocratici, Wolfgang Amadeus Mozart ei suoi genitori vivevano in un appartamento al primo piano dal 1773 fino a quando si trasferì a Vienna nel 1781, ora un museo dopo che l'appartamento in Getreidegasse dove nacque Wolfgang Amadeus Mozart era diventato piccolo.

Chiesa della Santissima Trinità di Salisburgo
Facciata della chiesa della Santissima Trinità

Tra le torri sporgenti, la facciata della chiesa della Santissima Trinità oscilla in concavo al centro con una finestra ad arco a tutto sesto con viticci, tra le doppie lesene e le doppie colonne presentate e accoppiate, costruite da Johann Bernhard Fischer von Erlach dal 1694 al 1702. Torri su entrambi i lati con campane e timpani dell'orologio. In soffitta, lo stemma del fondatore con bastone e spada, come tradizionale attributo iconografico del principe arcivescovo Johann Ernst von Thun e Hohenstein, che esercitò il suo potere sia spirituale che secolare. La campata centrale concava invita lo spettatore ad avvicinarsi ed entrare in chiesa.

Cupola del tamburo della Dreifaltigkeitskirche
Cupola del tamburo della Dreifaltigkeitskirche

Il tamburo, anello di congiunzione, cilindrico, finestrato, tra la chiesa e la cupola, è suddiviso in otto corpi con piccole finestre rettangolari mediante delicate doppie lesene. L'affresco della cupola è stato realizzato da Johann Michael Rottmayr intorno al 1700 e mostra l'incoronazione di Maria con l'assistenza di angeli santi, profeti e patriarchi. 

Nel soffitto è presente un secondo tamburo molto più piccolo anch'esso strutturato con finestre rettangolari. Johann Michael Rottmayr è stato il pittore più rispettato e più impegnato del primo barocco in Austria. Fu molto apprezzato da Johann Bernhard Fischer von Erlach, secondo i cui progetti la Chiesa della Trinità fu costruita dal principe arcivescovo Johann Ernst von Thun e Hohenstein dal 1694 al 1702.

Interno della chiesa della Trinità
Interno della chiesa della Trinità di Salisburgo

Il vano principale ovale è dominato dalla luce che filtra da una finestra semicircolare posta sopra l'altare maggiore, che è suddiviso in piccoli rettangoli, per cui i piccoli rettangoli sono a loro volta divisi in cosiddette slug riquadri sfalsate a nido d'ape. L'altare maggiore deriva originariamente da un progetto di Johann Bernhard Fischer von Erlach. La pala dell'altare è un'edicola, struttura marmorea con lesene e timpano ad arco piatto a sesto ribassato. La Santissima Trinità e due angeli adoranti sono mostrati come un gruppo plastico. 

Nella nicchia muraria di destra è inserito il pulpito con la croce del predicatore. I banchi sono sulle quattro pareti diagonali su un pavimento in marmo, che ha un motivo che enfatizza l'ovale della stanza. Nella cripta si trova un sarcofago con il cuore del costruttore principe arcivescovo Johann Ernst conte Thun e Hohenstein su progetto di Johann Bernhard Fischer von Erlach.

frances gate salisburgo
Porta Francesco Salisburgo

Linzer Gasse, la strada principale allungata del centro storico di Salisburgo sulla riva destra del Salzach, sale dal Platzl alla Schallmoserstraße in direzione di Vienna. Poco dopo l'inizio della Linzer Gasse, all'altezza della Stefan-Zweig-Platz, la Porta di Francesco si trova sul lato destro, sud, della Linzer Gasse. Francis Gate è un passaggio alto a 2 piani, la porta d'accesso rustica a Stefan-Zweig-Weg al Francis Port e al convento dei cappuccini a Capuzinerberg. Nella cresta dell'arco è scolpita la cartuccia dell'esercito con lo stemma del conte Markus Sittikus di Hohenems, dal 1612 al 1619 principe vescovo dell'arcifondazione di Salisburgo, costruttore della Porta di Francesco. Sopra la cartuccia dell'esercito c'è un rilievo su cui è stigmatizzata l'HL. È raffigurato Francesco nell'inquadratura con frontone soffiato, del 1617.

Scudi nasali a Linzer Gasse Salzburg
Scudi nasali a Linzer Gasse Salzburg

Il focus della foto scattata a Linzer Gasse è sulle staffe in ferro battuto, note anche come paranasi. Gli scudi nasali artigianali sono stati realizzati in ferro dai fabbri fin dal Medioevo. L'imbarcazione pubblicizzata viene attirata l'attenzione con simboli come una chiave. Le corporazioni sono corporazioni di artigiani create nel Medioevo per proteggere interessi comuni.

Interno della chiesa dei Sebastiani di Salisburgo
Interno della chiesa di San Sebastiano

In Linzer Gasse n. 41 c'è la Chiesa dei Sebastiani che è con il suo lato lungo sud-est e la sua torre di facciata in linea con Linzer Gasse. La prima chiesa di San Sebastiano risale al 1505-1512. Fu ricostruita dal 1749 al 1753. L'altare maggiore nell'abside rotonda arretrata ha una struttura marmorea leggermente concava con fasci di lesene, una coppia di pilastri presentati, trabeazione dritta a gomito e cima a volute. Al centro una statua con Maria con il bambino del 1610 circa. Nell'estratto è presente un rilievo di San Sebastiano del 1964. 

Portale Sebastian cimitero di Salisburgo
Portale Sebastian cimitero di Salisburgo

L'accesso al cimitero di Sebastian da Linzer Straße è tra il coro della chiesa di Sebastian e l'Altstadthotel Amadeus. Un portale ad arco semicircolare, delimitato da lesene, trabeazione e coronamento del 1600 con timpano soffiato, contiene lo stemma del fondatore e costruttore, il principe arcivescovo Wolf Dietrich.

Cimitero di Sebastians
Cimitero di Sebastians

Il cimitero di Sebastiano si collega a nord-ovest della chiesa di Sebastiano. Fu costruito nel 1595-1600 per conto del principe arcivescovo Wolf Dietrich al posto di un cimitero esistente dall'inizio del XVI secolo, modellato sui Campi Santi italiani. Camposanto, italiano per "campo sacro", è il nome italiano per un cimitero chiuso simile a un cortile con un arco aperto verso l'interno. Il cimitero di Sebastiano è circondato su tutti i lati da arcate su pilastri. Le arcate sono voltate con volte a crociera tra cinture ad arco.

tomba mozart salisburgo
Tomba di Mozart Salisburgo

Nel campo del cimitero di Sebastian, vicino al sentiero per il mausoleo, l'appassionato di Mozart Johann Evangelist Engl fece costruire una tomba da esposizione contenente la tomba della famiglia Nissen. Georg Nikolaus Nissen ha avuto un secondo matrimonio con Constanze, vedovo Mozart. Il padre di Mozart, Leopold, fu invece sepolto nella cosiddetta tomba comunale con il numero 83, oggi tomba di Eggersche sul lato sud del cimitero. Wolfgang Amadeus Mozart riposa in St. Marx a Vienna, sua madre a Saint-Eustache a Parigi e la sorella Nannerl a St. Peter a Salisburgo.

Monaco Kindl di Salisburgo
Monaco Kindl di Salisburgo

All'angolo dell'edificio all'angolo della Dreifaltigkeitsgasse / Linzer Gasse, il cosiddetto “Münchner Hof”, è attaccata al bordo sporgente del primo piano una scultura, raffigurante un monaco stilizzato con le braccia alzate, con la mano sinistra che regge un libro. Lo stemma ufficiale di Monaco è un monaco che tiene un libro di giuramenti nella mano sinistra e presta giuramento nella destra. Lo stemma di Monaco è noto come Münchner Kindl. Il Münchner Hof si trova dove sorgeva la più antica locanda di birra di Salisburgo, la "Goldenes Kreuz-Wirtshaus".

Salzach a Salisburgo
Salzach a Salisburgo

Il Salzach scorre verso nord nell'Inn. Deve il suo nome alla navigazione del sale che operava sul fiume. Il sale di Hallein Dürrnberg era la più importante fonte di reddito per gli arcivescovi di Salisburgo. Il Salzach e l'Inn corrono al confine con la Baviera dove c'erano anche depositi di sale a Berchtesgaden. Entrambe le circostanze insieme formarono la base per i conflitti tra l'Arcivescovado di Salisburgo e la Baviera, che raggiunsero il loro culmine nel 1611 con l'occupazione di Berchtesgaden da parte del principe arcivescovo Wolf Dietrich. Di conseguenza, Massimiliano I, duca di Baviera, occupò Salisburgo e costrinse il principe arcivescovo Wolf Dietrich ad abdicare.

Torre del Municipio di Salisburgo
Torre del Municipio di Salisburgo

Attraverso l'arco del municipio si accede alla piazza del municipio. In fondo alla piazza del municipio, nell'asse laterale della facciata rococò dell'edificio, si erge la torre del municipio. La torre del vecchio municipio è scandita da lesene giganti sopra il cornicione con lesene angolari. Sulla torre si trova un piccolo campanile esagonale con cupola a più parti. Il campanile contiene due campane più piccole del XIV e XVI secolo e una grande campana del XX secolo. Nel Medioevo, gli abitanti dipendevano dalla campana, poiché l'orologio della torre fu aggiunto solo nel XVIII secolo. La campana ha dato ai residenti il ​​senso del tempo ed è stata suonata in caso di incendio.

Alter Markt di Salisburgo
Alter Markt di Salisburgo

L'Alte Markt è una piazza rettangolare che viene toccata sullo stretto lato nord dalla via Kranzlmarkt-Judengasse e che si allarga a forma rettangolare a sud e si apre verso la residenza. La piazza è incorniciata da una fila chiusa di case signorili di 5-6 piani, la maggior parte delle quali medievali o del XVI secolo. Le case sono in parte da 16 a 3, in parte da 4 a 6 assi e per lo più hanno finestre con parapetto rettangolari e grondaie profilate. 

Determinante per il carattere dello spazio è la predominanza di sottili facciate intonacate con baldacchini delle finestre dritte, decorazioni in stile lastra o decorazioni delicate del XIX secolo. Lo stile lastra giuseppina utilizzava le semplici costruzioni della periferia, che avevano dissolto l'ordine tettonico in strati di muri e lastre. Al centro dell'intima piazza sull'Alter Markt si trova l'ex fontana del mercato, consacrata a San Floriano, con una colonna Floriani al centro della fontana.

Il pozzo ottagonale in marmo di Untersberg fu costruito nel 1488 al posto di un vecchio pozzo a tiraggio dopo che era stato costruito un tubo per l'acqua potabile dal Gersberg sul ponte della città al vecchio mercato. La grata a spirale decorata e dipinta sulla fontana risale al 1583, i cui viticci terminano con grottesche in lamiera, stambecchi, uccelli, cavalieri e teste.

L'Alte Markt è una piazza rettangolare che viene toccata sullo stretto lato nord dalla via Kranzlmarkt-Judengasse e che si allarga a forma rettangolare a sud e si apre verso la residenza. 

La piazza è incorniciata da una fila chiusa di case signorili di 5-6 piani, la maggior parte delle quali medievali o del XVI secolo. Le case sono in parte da 16 a 3, in parte da 4 a 6 assi e per lo più hanno finestre con parapetto rettangolari e grondaie profilate. 

Determinante per il carattere dello spazio è la predominanza di sottili facciate intonacate con baldacchini delle finestre dritte, decorazioni in stile lastra o decorazioni delicate del XIX secolo. Lo stile lastra giuseppina utilizzava le semplici costruzioni della periferia, che avevano dissolto l'ordine tettonico in strati di muri e lastre. I muri delle case erano decorati con lesene invece che con grandi lesene. 

Al centro dell'intima piazza sull'Alter Markt si trova l'ex fontana del mercato, consacrata a San Floriano, con una colonna Floriani al centro della fontana. Il pozzo ottagonale in marmo di Untersberg fu costruito nel 1488 al posto di un vecchio pozzo a tiraggio dopo che era stato costruito un tubo per l'acqua potabile dal Gersberg sul ponte della città al vecchio mercato. Il Gersberg si trova in un bacino sud-ovest tra il Gaisberg e il Kühberg, che è un contrafforte nordoccidentale del Gaisberg. La grata a spirale decorata e dipinta sulla fontana risale al 1583, i cui viticci terminano con grottesche in lamiera, stambecchi, uccelli, cavalieri e teste.

Al livello dei Florianibrunnen, sul lato est della piazza, nella casa n. 6, è l'antica farmacia di corte del principe arcivescovo fondata nel 1591 in una casa con infissi tardo barocchi e tetti con volute apicali della metà del XVIII secolo.

L'antica farmacia di corte del principe-arcivescovo al piano terra ha una facciata a 3 assi del 1903 circa. La farmacia conservata, i locali di lavoro della farmacia, con scaffali, tavolo di prescrizione e vasi e dispositivi del XVIII secolo sono rococò . Il farmacia originariamente si trovava nella casa vicina n.7 ed è stata trasferita solo nella sua posizione attuale, casa n. 6, nel 1903.

Caffè Tomaselli ad Alter Markt No. 9 a Salisburgo è stata fondata nel 1700. È il caffè più antico dell'Austria. Johann Fontaine, originario della Francia, ricevette il permesso di servire cioccolato, tè e caffè nella vicina Goldgasse. Dopo la morte di Fontaine, il caveau del caffè passò di mano più volte. Nel 1753 il caffè Engelhardsche fu rilevato da Anton Staiger, maestro di corte dell'arcivescovo Siegmund III. Conte Schrattenbach. Nel 1764 Anton Staiger acquistò la "dimora Abraham Zillnerische all'angolo del vecchio mercato", una casa che ha una facciata a 3 assi verso l'Alter Markt e una facciata a 4 assi verso Churfürststrasse ed è stata dotata di un muro inclinato al piano terra e infissi intorno al 1800. Staiger trasformò la caffetteria in un locale elegante per l'alta borghesia. Frequentavano anche membri delle famiglie Mozart e Haydn Caffè Tomaselli. Carl Tomaselli acquistò il caffè nel 1852 e aprì il chiosco Tomaselli di fronte al caffè nel 1859. Il portico fu aggiunto nel 1937/38 da Otto Prossinger. Dopo la seconda guerra mondiale, l'americano gestiva il caffè con il nome di Forty Second Street Café.

Monumento a Mozart di Ludwig M. Schwanthaler
Monumento a Mozart di Ludwig M. Schwanthaler

Ludwig Michael von Schwanthaler, l'ultimo discendente della famiglia di scultori dell'Alta Austria Schwanthaler, creò il monumento a Mozart nel 1841 in occasione del 50° anno della morte di Wolfgang Amadeus Mozart. La scultura in bronzo alta quasi tre metri, fusa da Johann Baptist Stiglmaier, direttore della fonderia reale di Monaco di Baviera, fu eretta il 4 settembre 1842 a Salisburgo nel mezzo dell'allora Michaeler-Platz.

La classica figura in bronzo mostra un Mozart in posizione contrapposta gonna e cappotto contemporanei, stilo, spartito (rotolo) e corona d'alloro. Le allegorie eseguite come rilievi in ​​bronzo simboleggiano l'opera di Mozart nei campi della chiesa, dei concerti, della musica da camera e dell'opera. L'odierna Mozartplatz è stata creata nel 1588 demolendo varie case cittadine sotto il principe arcivescovo Wolf Dietrich von Raitenau. La casa Mozartplatz 1 è la cosiddetta Nuova Residenza, nella quale è ospitato il Museo di Salisburgo. La statua di Mozart è uno dei soggetti da cartolina più famosi del centro storico di Salisburgo.

Cupola a tamburo della Kollegienkirche a Salisburgo
Cupola a tamburo della Kollegienkirche a Salisburgo

Dietro la residenza, la cupola a tamburo della Collegiata di Salisburgo, costruita nell'area dell'Università di Paris Lodron dal 1696 al 1707 dal principe arcivescovo Johann Ernst Graf von Thun e Hohenstein su progetto di Johann Bernhard Fischer von Erlach sotto la supervisione di il muratore dell'astro di corte Johann Grabner è diviso ottagonalmente da doppie sbarre.

Accanto alla cupola del tamburo si trovano le torri balaustrate della Collegiata, agli angoli della quale si possono vedere delle statue. Una lanterna, una struttura rotonda traforata, è posta sulla cupola del tamburo sopra l'occhio della cupola. Nelle chiese barocche, una lanterna costituisce quasi sempre l'estremità di una cupola e rappresenta un'importante fonte di luce diurna soffusa.

Residence Square Salisburgo
Residence Square Salisburgo

La Residenzplatz è stata creata dal principe arcivescovo Wolf Dietrich von Raitenau rimuovendo una fila di case di città su Aschhof intorno al 1590, una piazza più piccola corrispondente all'attuale edificio principale Hypo su Residenzplatz, che copriva circa 1,500 m², e il cimitero della cattedrale, che si trovava a nord di la cattedrale si trova. In sostituzione del cimitero della cattedrale, accanto alla chiesa di San Sebastiano, sulla riva destra del centro storico, è stato realizzato il cimitero di Sebastiano. 

Lungo l'Aschhof e verso le case cittadine, intorno all'allora cimitero della cattedrale correva una solida cinta muraria, la cinta muraria, che rappresentava il confine tra la città principesca e la borgata. Anche Wolf Dietrich nel 1593 spostò questo muro verso la cattedrale. Fu così che venne creata la piazza antistante la vecchia e la nuova residenza, che allora si chiamava piazza principale.

Edificio ad arco di corte
Gli archi della corte che collegano la piazza della cattedrale con Franziskaner Gasse

Il cosiddetto Wallistrakt, che oggi ospita parte dell'Università Paris-Lodron, fu fondato nel 1622 dal principe arcivescovo Paris Conte von Lodron. L'edificio è stato chiamato Wallistrakt dalla residente Maria Franziska Contessa Wallis. 

La parte più antica del tratto Wallis è il cosiddetto edificio ad arco del cortile con una facciata a tre piani che forma il muro occidentale della piazza della cattedrale. I piani sono divisi da doppie fasce orizzontali piane intonacate su cui poggiano le finestre. La facciata piana è sottolineata verticalmente dalle lesene angolari bugnate e dagli assi delle finestre. 

Il piano nobile dell'edificio dell'arco di corte era al secondo piano. A nord confina con l'ala sud della residenza, a sud con l'Arciabbazia di San Pietro. Nella parte sud dell'edificio ad arco di corte si trova il Museo San Pietro, parte del Museo DomQuartier. Gli appartamenti del principe-arcivescovo di Wolf Dietrich si trovavano in questa zona meridionale dell'edificio dell'arco di corte. 

Le arcate sono una sala con pilastri a 3 assi e 2 piani costruita nel 1604 sotto il principe arcivescovo Wolf Dietrich von Raitenau. Gli archi del cortile collegano la Domplatz con l'asse Franziskanergasse Hofstallgasse, che corre ortogonalmente alla facciata della cattedrale e fu completato nel 1607. 

Attraverso gli archi del cortile si accedeva al piazzale della chiesa cattedrale da ovest, come attraverso un arco di trionfo. Al termine del corteo del principe-arcivescovo, svolgeva la sua funzione la “porta trionfale”, che originariamente doveva aprirsi con cinque arcate sulla piazza della cattedrale.

Il Duomo di Salisburgo è consacrato alla hll. Ruperto e Virgilio. Il patronato si festeggia il 24 settembre, giorno di San Ruperto. La cattedrale di Salisburgo è un edificio barocco inaugurato nel 1628 dal principe arcivescovo Paris Conte von Lodron.

L'incrocio è nella parte orientale, anteriore della cattedrale. Sopra l'incrocio si trova la cupola a tamburo della cattedrale, alta 71 metri, con lesene angolari e finestre rettangolari. Nella cupola otto affreschi con scene dell'Antico Testamento su due ordini. Le scene si riferiscono alle scene della Passione di Cristo nella navata. Tra le file di affreschi c'è una fila di finestre. Le rappresentazioni dei quattro evangelisti si trovano sulle superfici dei segmenti della cupola.

Sopra i pilastri trasversali inclinati vi sono pendenti trapezoidali per il passaggio dalla pianta quadrata dell'incrocio al tamburo ottagonale. La cupola ha la forma della volta di un monastero, con una superficie curva che si restringe verso l'alto al di sopra della base ottagonale del tamburo su ciascun lato del poligono. Nel vertice centrale c'è una struttura traforata sopra l'occhio della cupola, la lanterna, in cui lo Spirito Santo si trova come una colomba. La traversata riceve quasi tutta la luce dalla lanterna a cupola.

Nel Duomo di Salisburgo risplende la luce del coro a navata unica, in cui è immerso l'altare maggiore autoportante, una struttura in marmo con lesene e un timpano curvo e soffiato. La sommità dell'altare maggiore con timpano triangolare soffiato è inquadrata da ripide volute e cariatidi. Il pannello dell'altare mostra la risurrezione di Cristo con la Hll. Ruperto e Virgilio nell'estratto. Nella mensa, la mensa dell'altare, vi è un reliquiario di San Ruperto e Virgilio. Rupert fondò St. Peter, il primo monastero austriaco, Virgilio fu abate di St. Peter e costruì la prima cattedrale a Salisburgo.

La navata del Duomo di Salisburgo è a quattro campate. La navata principale è accompagnata su entrambi i lati da una fila di cappelle e sopra oratori. Le pareti sono strutturate da doppie lesene in ordine imponente, con fusti lisci e capitelli compositi. Sopra le lesene si trova una trabeazione circonferenziale a gomito su cui poggia la volta a botte a doppia fascia.

Un gomito è il disegno di una cornice orizzontale attorno a una sporgenza verticale della parete, tirando una cornice su un componente sporgente. Con il termine trabeazione si intende l'insieme degli elementi strutturali orizzontali sopra i pilastri.

Nei vani tra lesene e trabeazioni si aprono alte arcate ad arco, balconi sporgenti poggianti su mensole a volute e porte di oratorio a due ante. Gli Oratori, piccole stanze di preghiera separate, si trovano come un tronco sulla galleria della navata e hanno le porte nella stanza principale. Un oratorio di solito non è aperto al pubblico, ma è riservato a un gruppo specifico, ad esempio clero, membri dell'ordine, confraternite o illustri credenti.

I bracci trasversali a navata unica e il coro si collegano ciascuno in un giogo rettangolare alla croce quadrata a semicerchio. Nella conca, l'abside semicircolare, del coro, 2 dei 3 piani finestrati sono uniti dalle lesene. Il passaggio all'incrocio della navata principale, dei bracci trasversali e del coro è ristretto da più strati di lesene.

I trikonchos sono inondati di luce mentre la navata è in penombra per la sola illuminazione indiretta. Contrariamente a una pianta a croce latina, in cui una navata diritta nella zona dell'incrocio è attraversata ad angolo retto da un transetto altrettanto rettilineo, nel coro a tre conchiglie, trikonchos, tre conchiglie, cioè absidi semicircolari della stessa dimensione , ai lati di un quadrato sono così accostati l'uno all'altro in modo che la planimetria abbia la forma di una foglia di trifoglio.

Stucco bianco con motivi prevalentemente ornamentali con il nero nei sottosquadri e negli avvallamenti adorna i festoni, la vista ornata dal basso degli archi, i passaggi delle cappelle e le zone murarie tra le lesene. Lo stucco si estende sulla trabeazione con fregio a viticcio e forma una sequenza di campi geometrici con cornici strettamente unite nella volta tra le corde. Il pavimento della cattedrale è costituito da luminosi marmi Untersberger e Adnet di colore rosso.

Fortezza di Salisburgo
Fortezza di Salisburgo

La fortezza di Hohensalzburg si trova sul Festungsberg sopra il centro storico di Salisburgo. Fu costruito dall'arcivescovo Gebhard, un beato dell'arcidiocesi di Salisburgo, intorno al 1077 come palazzo romanico con un muro circolare che circondava la collina. L'arcivescovo Gebhard fu attivo nella cappella di corte dell'imperatore Enrico III, 1017 – 1056, re romano-tedesco, imperatore e duca di Baviera. Nel 1060 venne a Salisburgo come arcivescovo. Si dedicò principalmente all'istituzione della diocesi di Gurk (1072) e del monastero benedettino di Admont (1074). 

Dal 1077 in poi dovette rimanere in Svevia e Sassonia per 9 anni, perché dopo la deposizione e l'esilio di Enrico IV si era unito al re avversario Rudolf von Rheinfelden e non poteva affermarsi contro Heinrich IV. nella sua sede arcivescovile. Intorno al 1500 gli alloggi sotto l'arcivescovo Leonhard von Keutschach, che governava assolutista e nepotista, furono sontuosamente arredati e la fortezza fu ampliata fino all'aspetto attuale. L'unico assedio fallito della fortezza ebbe luogo durante la guerra dei contadini nel 1525. Dalla secolarizzazione dell'arcivescovado nel 1803, la fortezza di Hohensalzburg è stata nelle mani dello stato.

Laghetto dei cavalli Kapitel di Salisburgo
Laghetto dei cavalli Kapitel di Salisburgo

Già nel Medioevo c'era un "Rosstümpel" su Kapitelplatz, a quel tempo ancora al centro della piazza. Sotto il principe arcivescovo Leopold Freiherr von Firmian, nipote del principe arcivescovo Johann Ernst Graf von Thun e Hohenstein, nel 1732 fu costruito il nuovo complesso cruciforme con angoli curvi e una balaustra su progetto di Franz Anton Danreiter, l'ispettore capo del Salisburgo giardini di corte.

L'accesso per i cavalli alla vasca d'acqua conduce direttamente al gruppo scultoreo, che raffigura il dio del mare Nettuno con tridente e corona su cavalluccio marino zampillante con ai lati 2 tritoni zampillanti, creature ibride di cui la metà sono costituiti da un corpo superiore umano e da un corpo inferiore pesciforme con pinna caudale, in una nicchia ad arco a tutto sesto in edicola con doppia lesena, trabeazione diritta e un timpano a volute ricurve coronato da vasi ornamentali. La scultura barocca e commovente è stata realizzata dallo scultore salisburghese Josef Anton Pfaffinger, che ha anche progettato la fontana Floriani sull'Alter Markt. Sopra il soffietto di osservazione c'è un cronogramma, un'iscrizione in latino, in cui le lettere maiuscole evidenziate danno un numero dell'anno come cifre, con lo stemma scolpito del principe arcivescovo Leopold Freiherr von Firmian nel campo del frontone.

Fontana d'Ercole Residenza di Salisburgo
Fontana d'Ercole Residenza di Salisburgo

Una delle prime cose che si vede entrando nel cortile principale dell'antica residenza da Residenzplatz è la nicchia della grotta con una fontana ed Ercole che uccide il drago sotto le arcate del vestibolo occidentale. Le raffigurazioni di Ercole sono monumenti dell'arte barocca su commissione che venivano usati come mezzo politico. Ercole è un eroe famoso per la sua forza, una figura della mitologia greca. Il culto dell'eroe svolgeva un ruolo importante per lo Stato, perché il ricorso a figure semidivine rappresentava una legittimazione e una protezione divina garantita. 

La rappresentazione dell'uccisione del drago da parte di Ercole si basava su un progetto del principe arcivescovo Wolf Dietrich von Raitenau, che fece ricostruire la nuova residenza a est della cattedrale e l'attuale residenza arcivescovile a ovest della cattedrale in gran parte ricostruita.

Sala Conferenze nella Residenza di Salisburgo
Sala Conferenze Residenza Salisburgo

Hieronymus Graf von Colloredo, ultimo arcivescovo principe di Salisburgo prima della secolarizzazione nel 1803, fece decorare le pareti delle sale di rappresentanza della residenza con fini ornamenti in bianco e oro dallo stuccatore di corte Peter Pflauder secondo il gusto classicista dell'epoca.

Le stufe in maiolica del primo classicismo conservate risalgono agli anni 1770 e 1780. Nel 1803 l'arcivescovado fu convertito in principato secolare. Con il passaggio alla corte imperiale, la residenza fu utilizzata dalla famiglia imperiale austriaca come residenza secondaria. Gli Asburgo arredarono le sale di rappresentanza con mobili dell'Hofimmobiliendepot.

La sala conferenze è dominata dalla luce elettrica di 2 lampadari, originariamente destinati all'uso con candele, appesi al soffitto. I lampadari sono elementi di illuminazione, chiamati anche "Lustre" in Austria, e che con l'uso di diverse sorgenti luminose e vetro per rifrangere la luce producono un gioco di luci. I lampadari sono spesso usati per scopi di rappresentazione nelle sale evidenziate.

Top